L’assistenza sanitaria integrativa, per la generalità dei lavoratori, entra a pieno titolo fra le conquiste del Welfare contrattuale negli anni 2000, nascendo dalla necessità di garantire la sempre maggiore domanda di prestazioni sanitarie.

La Uiltucs è stata protagonista, nei tavoli contrattuali, della costituzione di Fondi di assistenza sanitaria integrativa nella consapevolezza che il Welfare contrattuale, che si esplica all’interno degli Enti bilaterali, significa superare la dimensione conflittuale e negoziale attraverso la cultura della partecipazione e della gestione.

In tutti questi anni la Uiltucs si è fatta promotrice di azioni, anche legali, per vedere rispettato il diritto dei lavoratori a poter usufruire delle prestazioni di assistenza sanitaria integrativa. Non solo perché è un diritto contrattuale – così come il diritto alla salute è sancito dalla Costituzione -, ma perché il lavoro è dignità. E rendere dignitoso il lavoro significa farsi carico delle fragilità che possono venire quando si è vulnerabili.