0
CCNL Anaste: rinnovo in salita

Si è svolto il 12 gennaio l’incontro con Anaste per il rinnovo del C.C.N.L.

Nel ritenere la piattaforma sindacale unitaria inaccettabile, Anaste ha posto al tavolo di trattativa le sue richieste che si possono riassumere nei seguenti punti:

1. eliminare il pagamento della carenza di malattia;

2. dare la facoltà alle Aziende di aumentare l’orario di lavoro da 38 a 40h settimanali, con una maggiorazione del 5%;

3. ridurre o eliminare i Rol (oggi 51h);

4. retribuire la 14 mensilità mensilmente in 13 ratei;

5. abolizione I.V.C.;

6. non riconoscere tempi di vestizione retribuiti.

Dopo una approfondita discussione, in cui le organizzazioni sindacali hanno dichiarato difficilmente percorribili alcuni punti presentati dalla controparte, hanno chiesto di capire l’ammontare dell’incremento salariale e di discutere dei punti della piattaforma presentata, Anaste si è riservata un confronto interno con la propria commissione trattante.

Dopo questo confronto interno Anaste ha modificato leggermente alcuni punti di quanto aveva proposto, così come di seguito riportati:

1. retribuire al 50% la carenza del solo primo evento di malattia (nei successivi eventi la carenza non verrebbe retribuita);

2. riconoscere la maggiorazione al 10%, per le ore dalla 38° alla 40°;

3. eliminare totalmente i Rol;

4. riconoscere un incremento salariale a costo azienda di 59€ al IV° livello per 13 mensilità e 10€ di assistenza sanitaria integrativa (Est).

I sindacati, hanno deciso di procedere con un incontro tra le segreterie unitarie, prima di continuare il difficile confronto con la controparte. La data di proseguo della trattativa sarà comunicato appena possibile.

Comments are closed.