0
Coin: incontro su andamento economico e premio

Si è svolto il giorno 18 novembre scorso, l’incontro con il Gruppo COIN S.p.A. per una verifica dell’andamento economico aziendale e sui risultati del premio variabile.

L’azienda nel commentare lo scenario macro-economico, ha manifestato forte preoccupazione per l’espansione realizzata dalle vendite on-line negli ultimi anni; tali modalità di acquisto in rete nel 2016, a livello paese Italia, hanno raggiunto i 79 miliardi di euro che rappresentano circa il 10% del valore dell’intero fatturato del settore commerciale.

Per affrontare questa nuova situazione l’azienda è ancora chiamata a puntare sullo sviluppo della propria rete commerciale, puntando in particolare attraverso OVS all’acquisizione di aziende straniere.

OVS infatti con una nuova società “Sempione Retail”, dalla stessa controllata, ha lanciato un’OPA alla VOGLE, Società tedesca del retail, che è presente in 6 paesi europei con 450 punti vendita.

L’operazione che dovrebbe concretizzarsi entro fine anno, vedrebbe affidata momentaneamente la gestione in franchising con l’utilizzo dei marchi “OVS” e “UPIM” ed entro 24 mesi, concludersi con l’acquisizione delle quote di maggioranza azionaria.

Sempre OVS, quotata in borsa due anni fa, dovrebbe nei prossimi mesi acquisire un’ ulteriore catena spagnola con 40 punti vendita.

L’azienda ha comunicato ai sindacati che dal 1° gennaio 2017 cambierà anche sotto il profilo societari. La Società “Gruppo COIN”, che controlla sia OVS che COIN Excelsior, si trasformerà in Holding.

L’andamento delle vendite al 13 novembre 2016 vede un leggero scostamento negativo dal budget per il marchio OVS mentre sono sostanzialmente in linea i marchi KIDS, UPIM e Bluekids.

Anche per quanto riguarda COIN ed Excelsior si registrano leggeri scostamenti negativi. Le vendite online pur senza risultati eclatanti cominciano a prendere forma: oltre 3 milioni sono quelle effettuate nel Gruppo OVS e oltre 2 milioni quelle in COIN.

La rete vendita OVS-Upim ecc. conta complessivamente in Italia 727 punti vendita con 7662 dipendenti (+110 rispetto al 2015) a cui vanno aggiunti circa 800 dipendenti di sede.

La rete vendita COIN conta 42 punti vendita con 1939 dipendenti (2216 nel 2015) a cui vanno aggiunti 150 impiegai di sede. Va detto che il calo dei dipendenti è dovuto in buona parte alle trasformazioni di alcuni punti vendita COIN in OVS e/o Upim.

Infine per quanto riguarda il salario variabile. L’azienda ha comunicato di aver distribuito complessivamente 400.000 euro di premi a dipendenti COIN ed 1.000.000 di Euro a quelli OVS-Upim.

Il sindacato ha apprezzato la sostanziale tenuta sia delle vendite che dei risultati economici dell’azienda, auspicando che il Piano di Sviluppo previsto in particolare per l’estero trovi confronto a differenza di quanto avvenuto in passato (1999/2000) e sollecitato a mantenere un trend di investimenti anche in Italia.

Altresì le organizzazioni sindacali hanno richiamato l’azienda a concludere le sperimentazioni sul modello organizzativo aziendale e di procedere quindi ad un confronto a livello di Gruppo. Per proseguire la discussione ci si è aggiornati al 27 gennaio 2017.

Comments are closed.