0
Eataly, esito incontro sul premio di risultato

In data 14 ottobre si è tenuto l’incontro con la direzione aziendale Eataly in ordine alla definizione di un premio di risultato condiviso per l’anno 2016, così come previsto dal contratto integrativo aziendale.

Le parti hanno convenuto in premessa di produrre una intesa, ancor per alcuni aspetti transitoria, stante l’impossibilità dell’azienda di introdurre nuovi indicatori a parte quelli attuali (tutti quantitativi).

L’impegno che Eataly si è assunta è quello di definire una struttura premiante più evoluta a partire dall’anno prossimo.

Il premio pertanto corrisponderà a una mensilità aggiuntiva che verrà erogata ai dipendenti al raggiungimento dell’obiettivo nazionale di Ebtda. L’unico correttivo presente sarà quello della “presenza” che però valuterà solamente i giorni di carenza malattia (che Eataly retribuisce al 100%) con un indice ulteriore di riequilibrio che interverrà per distinguere fra eventi lunghi ed eventi brevi.

Infine i sindacati hanno escluso la possibilità che le assenze possano determinare (come in passato) l’azzeramento totale del premio.

Sulla richiesta aziendale che i provvedimenti disciplinari di sospensione potessero azzerare il premio, le organizzazioni sindacali hanno convenuto, stante il permanere di visioni diametralmente opposte, che per i casi registrati nel 2016 le parti, prima della erogazione si incontreranno per effettuare una valutazione degli stessi.

L’azienda si è impegnata a sottoporre alle segreterie sindacali nazionali, nei prossimi giorni, un testo che una volta condiviso, potrà essere sottoscritto in tempi rapidi. Infine sul capitolo “welfare aziendale” Eataly ha avanzato alcune proposte tra cui quella di destinare il budget previsto dal CIA per il primo anno di vigenza a una assicurazione per danni a terzi, per l’acquisto di una card per prestazioni mediche anche alternative (omeopatia, osteopatia etc), o a una shopping bag di prodotti.

I sindacati hanno evidenziato alla direzione come per il futuro intendano legare queste erogazioni a prestazioni socialmente più rilevanti quali ad esempio, la mobilità degli addetti e la previdenza integrativa.

Il confronto proseguirà a Roma il 23 novembre 2016.

Comments are closed.