0
NH Hotel, bene andamento. Si pensa al CIA

Nel corso dell’incontro tenutosi il 12 aprile a Bologna con la direzione di NH Hotel Group si sono affrontati i temi relativi all’informativa annuale circa l’andamento dell’azienda e le sue prospettive.

I dati che l’azienda ci ha presentato, relativi al 2016, dicono che il gruppo NH e NH Italia sembrano aver messo alle spalle gli anni difficili del recente passato, con un fatturato del gruppo pari a 1.474 milioni di euro e un fatturato di NH Italia che si attesta a 271 milioni di euro.

Questo risultato è stato conseguito con un perimetro di 379 alberghi (gruppo), di cui 52 in Italia.

Soddisfacenti anche i risultati di redditività (EBITDA), tanto per il gruppo (180 milioni) quanto per l’Italia (45 milioni); per il nostro paese, la performance assume rilievo particolare, in quanto segue un anno che era stato decisamente positivo – il 2015 – grazie all’effetto EXPO; sui dati dell’Italia hanno comunque inciso fattori quali la chiusura di NH Midas Roma e la vendita dell’immobile di NH Torino.

Scendendo in maggior dettaglio, NH Italia, nel corso del 2016, ha avuto una percentuale di occupazione delle stanze pari al 65%, con un prezzo medio della camera pari a 108 euro; per l’anno in corso l’obiettivo aziendale è quello di aumentare la percentuale di occupazione delle camere al 68% e di portare a 114 euro il costo medio della stanza.

L’occupazione in Italia segna nel corso del 2016, complessivamente, un leggero avanzamento rispetto al 2015, per un totale di 1.306 “teste”, pari a 1.245 full time equivalent, di cui la maggior parte a tempo indeterminato (81%) e a full time (85%).

Dopo l’ultima ristrutturazione effettuata nella primavera del 2016, che aveva portato tra l’altro alla chiusura del Midas di Roma e alla stagionalizzazione di Palermo, ora il perimetro di NH Italia è “stabile”.

Le società utilizzate dall’azienda nelle attività terziarizzate sono Zenit Services, Stay Over, Velox e Gruppo MG.

Per il futuro la società prevede, tra le altre cose, tre aperture tra il 2018 e il 2019 (Milano Corso Buenos Aires, Isola di Murano e Venezia Piazzale Roma) e le ristrutturazioni di Torino Centro e Roma Leonardo da Vinci.

In ultimo i sindacati hanno rappresentato ad NH la volontà di riaprire un percorso di contrattazione aziendale, dopo il periodo difficile delle ristrutturazioni e della disdetta unilaterale della contrattazione aziendale operata dall’impresa.

Si vuole ricostruire il sistema delle relazioni e cogliere le condizioni date da un andamento economico più positivo, redistribuendone benefici ai lavoratori anche su versanti innovativi come quello del welfare.

L’azienda ha chiesto un breve periodo di valutazione al proprio interno su questa tematica; in attesa di ciò, le organizzazioni sindacali hanno preannunciato che in assenza di riscontro positivo avvieranno una percorso più “classico”, con predisposizione di una formale piattaforma rivendicativa.

Comments are closed.