0
Randstad: il punto sulla fusione

Il 21 febbraio scorso si è tenuto l’incontro con il Gruppo Randstad finalizzato ad una prima verifica dopo le operazioni relative alle fusioni delle quattro aziende del Gruppo Obiettivo Lavoro (Obiettivo Lavoro S.p.A., Obiettivo Lavoro Politiche Attive S.r.l., Obiettivo Lavoro Formazione S.r.l. e Obiettivo Lavoro Group S.r.l.).

I rappresentanti del Gruppo Randstad hanno dichiarato che il processo di integrazione dei lavoratori ex Obiettivo Lavoro nella nuova realtà, sta procedendo senza particolari problematiche, precisando che al momento è trascorso poco tempo per capire il vero impatto organizzativo.

Ciò nonostante, così come dichiarato in occasione degli esami congiunti delle procedure di fusione, ha confermato che non ci saranno impatti dal punto di vista occupazione.

Il 2016, per il Gruppo Randstad, ha visto un risultato del +5% rispetto all’anno precedente, mentre per l’ex Gruppo Obiettivo lavoro è stato registrato un -4%.

Le organizzazioni sindacali hanno manifestato la necessità di riprendere un confronto strutturato al fine di dare seguito a quanto emerso nei precedenti incontri in relazione ad un percorso che abbia come obiettivo un accordo di secondo livello per tutti i dipendenti del nuovo perimetro che costituisce oggi il Gruppo.

Randstad ha confermato la sua disponibilità ad avviare il percorso fin dal prossimo incontro che è stato fissato per il 4 aprile 2017 alle ore 11, a Milano, Via R. Lepetit,8/10, nella sede aziendale.

I sindacati hanno richiesto alla direzione del personale alcune informazioni al fine di fotografare la situazione attuale (numero dei dipendenti per singola società del Gruppo con la distinzione tra uomini e donne, tempi determinati, tempi indeterminati, apprendisti, stagisti, e somministrati, misure di welfare ad oggi adottate, strumenti in essere in materia di conciliazione di tempo di vita e di lavoro, attuale sistema premiante, e se aderiscono agli enti bilaterali).

Comments are closed.